Claudio Principi, ricercatore e poeta popolare della Marca centrale, è venuto a mancare nei giorni scorsi."Ha voluto che la notizia della sua dipartita venisse data a funerale avvenuto, per evitare incomodo a tutti", ha voluto scrivere nel manifesto a lutto che si è scritto da solo.Ciao, Claudio. È stato bello conoscerti, anche se per poco.

Claudio Principi, ricercatore e poeta popolare della Marca centrale, è venuto a mancare nei giorni scorsi.
"Ha voluto che la notizia della sua dipartita venisse data a funerale avvenuto, per evitare incomodo a tutti", ha voluto scrivere nel manifesto a lutto che si è scritto da solo.
Ciao, Claudio. È stato bello conoscerti, anche se per poco.

Ascoltato 40 volteScarica

yoghiorso:

«Donne, è arrivato l’arrotino… arrota coltelli, forbici, forbicine. Abbiamo i pezzi di ricambio per le cucine a gasse. Se avete perdite di gasse noi le aggiustiamo, se la vostra cucina fa fumo noi togliamo il fumo della vostra cucina a gasse. Lavoro subito e immediato».

Una delle cose più strane di questo stranissimo Paese è che questo ‘messaggio stradale’ è diffuso in tutta Italia: la gente lo conosce in Toscana come a Roma come in Calabria. Credo che esista un’unica registrazione risalente al 1950, che viene ereditata di generazione in generazione ed è ormai distribuita in mp3 via peer-to-peer fra tutti gli arrotini d’Italia. La voce originale è di un uomo ormai scomparso da tempo, il quale, avendo coniato la rocambolesca espressione «Lavoro subito e immediato», può fra l’altro e senza dubbio essere considerato il progenitore di Google Translator.

kon-igi:

eclipsed:

Nel diritto della Grecia ellenistica, il blakennòmion (in greco della koiné: βλακεννόμιον) era un’imposta che incombeva sui guadagni che gli astrologi ricavavano dall’esercizio della loro professione.

Il significato letterale del termine era tassa/imposta sulla stupidità (o sugli stupidi), dal momento che si riteneva che fossero gli stupidi e gli idioti a far ricorso ai consigli e agli oroscopi degli astrologi.

(Fonte: Wikipedia)

Ecco la soluzione a tutti i problemi dell’Italia: reintroduciamo questa imposta e, tempo sei mesi, diventiamo la seconda potenza economica mondiale.

C’è già. Si chiama Superenalotto.

Alla scuola di Barbiana si parlava molto schietto. Sulla porta di tutte le scuole della Repubblica gli studenti di Don Milani avrebbero voluto scrivere LA SCUOLA SARÀ SEMPRE MEGLIO DELLA MERDA. L’aforisma è attribuito al giovane Lucio, che quando non era a scuola dal priore aveva una stalla con 36 mucche da gestire. A me piacerebbe ogni tanto parlarne nelle mie classi, sollecitare un’inchiesta: tu che ne pensi? Secondo te è meglio la scuola o la merda? Ma ho paura di finire sul giornale.
Dici: potresti sempre usare un eufemismo. Potresti chiedere se è meglio la scuola o la deiezione vaccina. No, non potrei. Merda si dice merda. Puttana si dice puttana. Non solo don Milani si lasciava evidentemente sfuggire queste parole di fronte ai suoi ragazzi; non solo permetteva che le scrivessero in un libro, e resistessero alle decine di stesure e ristesure; ma le sottoponeva al vaglio dei suoi amici colti e raffinati, ad esempio David Maria Turoldo che sale a Barbiana per farsi leggere le bozze e “si sganascia dalle risa a ogni parola grossa”.
Lettera a una professoressa è un testo molto elegante nella sua rozzezza. Profondamente toscano, azzarderei, ma poi dovrei spiegare il perché solo ai toscani è concesso di maneggiare la nostra lingua letteraria come se fosse un coltellaccio da cucina, senza quella distanza, quel disagio in cui consiste l’uso della lingua per tutti noialtri non toscani – quella maschera che indosso continuamente, qualsiasi cosa io scriva, come se io la stessi traducendo da un’altra lingua che ho in testa (quale lingua, se non so nemmeno bene il mio dialetto?) Eppure questa distanza c’è: la sentiamo tutti ogni volta che rileggiamo quello che scriviamo e ci sembra sempre fuori fase, distorto come la nostra voce registrata. Un diaframma che forse è responsabile di intere età letterarie, di barocchi, classicismi e linee lombarde, mentre ai toscani basta scrivere come si mangia. Papini, Malaparte, la Fallaci. Ma anche i ragazzi di Barbiana, e il loro priore che non poteva più pubblicare niente a nome suo.
Leonardo Tondelli, da “Don Milani e la puttana

ze-violet:

tastiereconsumate:

notxam:

someone played an lcd soundsystem song over a miles davis trumpet solo and i think i feel alive for the first time in my life

Beautiful!

me-ra-vi-glia

Video di Matteo Blandford con uno spezzone da “Sound Heritage” ad “Operazione Arcevia”, lo scorso 10 maggio 2014, dove c’era anche l’Orastrana.
Ce n’è un’altro anche qui.

[kat - orastrana.it]

L’altra volta vi dicemmo della seconda edizione del Cantamaggio al nostro paesello, Petriolo di Macerata (cos’è il Cantamaggio?).Se non siete venuti, potete vederne qualche scorcio cliccando qui.Qui invece ci sono i disegni che il magnifico djnooz ha realizzato in tempo reale per tutta la giornata.[carlo - orastrana.it]

L’altra volta vi dicemmo della seconda edizione del Cantamaggio al nostro paesello, Petriolo di Macerata (cos’è il Cantamaggio?).
Se non siete venuti, potete vederne qualche scorcio cliccando qui.
Qui invece ci sono i disegni che il magnifico djnooz ha realizzato in tempo reale per tutta la giornata.

[carlo - orastrana.it]

Lo scorso 26 aprile 2014 l’Orastrana ha portato lu dialèttu elèttricu a "Spazi Liberati", la tre giorni per la Festa della Liberazione a Corridonia (MC),
Ecco un po’ di foto che ho fatto.

[serena - orastrana.it